Cannoli siciliani 2.0

0 0
Cannoli siciliani 2.0

Share it on your social network:

Or you can just copy and share this url

Ingredients

500 g farina 00 io ho dovuto mettere 100 g di Manitoba perchè avevo finito la 00
1 uovo medio
50 g strutto
50 g zucchero
120 g marsala o vino bianco
80 g aceto di vino (bianco o rosso)
succo di 1 limone
4 g sale
Per il ripieno:
1 kg ricotta di pecora
300 g zucchero
q.b. canditi o gocce di cioccolato

Bookmark this recipe

You need to login or register to bookmark/favorite this content.

  • Medium

Ingredients

Directions

Ciao a tutti, sono le 2 di notte e io non sono ancora sporca di farina… Mi sembra un buon risultato no?

Ieri ho fatto le 4 di notte per cucinare e alla fine sono andata a letto che puzzavo di fritto come non mai.

Ho impastato per 2 volte i cannoli cercando il giusto bilanciamento degli ingredienti e tutto questo l’ho fatto anche se già avevo una ricetta perfetta per le scorze!!

Ma, come sapete in Sicilia ci sono diverse versioni e allora ho voluto provare un impasto diverso, senza cacao, senza cannella ecc ecc

Così ho passato la notte in compagnia della mia planetaria e dell’olio di arachidi.

Che tristezza penserete voi, ma io ero così contenta nel vedere quelle bollicine formarsi nell’olio bollente che la fatica non mi pesava affatto.

Sono entusiasta di questa ricetta, il problema adesso sarà quale ricetta scegliere la prossima volta che dovrò fare i cannoli!

Non posso sostituire una con l’altra perchè sono due cose diverse, quindi, se volete cimentarvi con la preparazione di questo dolce, vi consiglio di leggere entrambe le ricette e scegliere in base ai vostri gusti… cliccando qui trovate l’altra versione.

Qui ho aggiunto una particolarità che credo nessuno prima d’ora abbia mai sperimentato e di questo sono molto molto felice: per ottenere tutte quelle bollicine nelle scorze ho trovato una soluzione che non avevo mai sentito nominare.

       

Ieri, dopo aver fritto i primi cannoli, non ero molto soddisfatta e così ho fatto un po’ di esperimenti…e ho fatto bene!!!

Ho notato che spennellando i cannoli prima di friggerli, una volta formati e sullo stampo, con dell’albume leggermente sbattuto si creano un’infinità di bollicine!

Nelle foto sopra si vede benissimo la differenza tra le scorze fritte senza albume e quelle con l’albume piene di bolle!

 

Che bellezza.

Adesso vi lascio alla ricetta e fatemi sapere se provate a farli!

Buonanotte…

 

*** Con le dosi qui sotto ottenete circa 30 scorze

 

 

Steps

1
Done

impasto

mettere tutti gli ingredienti in planetaria e impastare a bassa velocità fino ad unire tutti gli ingredienti e formare Sun composto non troppo liscio.
finite di lavorare sulla spianatoia con le mani renderlo più omogeneo.
coprite con la pellicola e fate riposare per 30 minuti.

2
Done

staccate un pezzo di impasto non troppo grande e passatelo nella sfogliatrice partendo dallo spessore più largo.
Ripiegate l'impasto per 4-5 volte e rimettete in macchina in modo da incorporare un po' d'aria che aiuterà a rendere il fritto più friabile.
Continuate a sfogliare fino ad arrivare alla penultima tacca della sfogliatrice, circa 1-1,5 mm di spessore.
Man mano che si allunga la sfoglia, dividetela in parti più piccole se vedete che l'impasto è troppo pesante e fate fatica a lavorarlo.
ogni tanto date una spolverata di farina sulla sfoglia per evitare che si attacchi ai rulli.

3
Done

una volta ottenuta la sfoglia, tagliate con un coppapasta dei cerchi di 10 cm di diametro.
allungate leggermente ogni cerchio in modo da formare una sorta di ovale (questo non è necessario ma dà la forma tipica).
adesso avvolgete lo stampo (unto con olio) spennellando con dell'albume la chiusura in modo che in cottura non si aprano.
Schiacciate bene la chiusura e adesso spennellate molto bene tutto l'esterno del cannolo e lasciatelo riposare su un supporto in modo che non stia a contatto con la superficie.
aspettate 2-3 minuti, spennellate di nuovo con l'albume e friggete subito.
Come si vede nell'ultima foto, quando spennellate la scorza, dovete insistere finche non si vede una sorta di cremina bianca.

4
Done

Friggete in olio di arachidi a 155°-160° tenendo il cannolo immerso parzialmente.
Io per comodità ho messo un fermatovaglia metallico sul fondo del pentolino in modo da tenere sollevato il cannolo ma potete usare anche una schiumarola.
controllate sempre la temperatura dell'olio in modo che non si brucino le scorze.
Se la temperatura è troppo alta rischiate che si cuociano solo all'esterno rimanendo crudi e poco croccanti all'interno.
*Nella foto in frittura ho cotto contemporaneamente una scorza spennellata con l'albume e una senza per farvi vedere la differenza.
Quando sono molto molto dorati, toglieteli dall'olio e fateli asciugare su carta assorbente.

5
Done

una volta raffreddati, metteteli subito in un contenitore con chiusura ermetica.

6
Done

ripieno

setacciare la ricotta (scolata se serve) per due volte con un setaccio o ammorbidirla con le fruste elettriche per qualche secondo.
unire lo zucchero e amalgamare con una frusta fino a sciogliere bene lo zucchero e formare una crema.
Se vi piacciono potete unire gocce di cioccolato o canditi .
Mettere il composto in una sac a poche e lasciare riposare in frigorifero per qualche ora.

7
Done

Riempite le scorze con la crema di ricotta al momento di gustarli altrimenti l'umidità della ricotta può ammorbidire la scorza rendendola gommosa e non più croccante.
Decorate con canditi, granella di pistacchi o gocce di cioccolato.
spolverate con zucchero a velo e buon appetito!

Martina Manti

mamma a tempo pieno con la grande passione per la cucina...

Recipe Reviews

There are no reviews for this recipe yet, use a form below to write your review
pane nero
previous
Pane nero con semi e frutta secca
next
Profiteroles

Rispondi