0 0
arancini siciliani

Share it on your social network:

Or you can just copy and share this url

Ingredients

500 g riso originario o roma
1,100 ml brodo di carne o acqua o brodo vegetale
2 bustine di zafferano
30 g burro
50 g grana padano grattugiato o caciocavallo grattugiato
1/2 cipolla
20 g sedano
1/2 carota
1/2 cipolla
120 g carne macinata manzo e maiale
1 cucchiaio concentrato di pomodoro
200 ml passata di pomodoro
50 ml vino rosso
60 g piselli lessi
50 g caciocavallo
50 g mozzarella
100 g farina 00
180 ml acqua
q. b. pangrattato
q.b. olio di arachidi

Bookmark this recipe

You need to login or register to bookmark/favorite this content.

arancini siciliani

  • Serves 10
  • Medium

Ingredients

Directions

Quando si avvicina l’estate si avvicinano anche i ricordi di tutti quei meravigliosi cibi tipici della mia terra o quasi… Quasi perché io sono di Reggio Calabria ma anche da me gli arancini sono un pezzo forte per tutte le stagioni, soprattutto d’estate, quando si ha poca voglia di accendere i fornelli e si preferisce passare un attimo in rosticceria e mangiare un arancino mentre si passeggia sul lungomare.

Ho detto ARANCINO proprio perché ho vissuto più vicino al versante messinese, ma i palermitani si offenderanno perché per loro l’arancino è “femmina”!

Detto ciò, non li avevo mai fatti a casa perché pensavo fosse complicato e invece, con le dovute accortezze, è semplicissimo.

Quella che vi propongo è la versione classica con il ripieno di ragù (non quello bolognese) ,piselli e caciocavallo ma potete personalizzare i vostri fagotti di riso come più vi piace.

A breve pubblicherò una versione con il maiale stracotto agrodolce ma per ora concentriamoci sulla ricetta base.

Buon arancino a tutti!

Steps

1
Done

cottura del riso

fate stufare la cipolla in due cucchiai di olio evo; quando tutta l'acqua è evaporata alzate la fiamma e fatela rosolare.
aggiungete il riso e mescolate un paio di minuti.
Versate il brodo nel riso, date una mescolata e non toccatelo più.
Quando il riso avrà assorbito tutto il brodo, controllate la cottura e se necessario aggiustate di sale.
Diluite lo zafferano in un po' di acqua e versatelo sul riso. mescolate e togliete dal fuoco.
Mantecate con il burro e il formaggio grattugiato.
IL riso deve risultare molto asciutto e colloso.
Fatelo raffreddare su un piano di marmo o su una teglia di alluminio.
Questo procedimento potete farlo il giorno prima di fare gli arancini in modo da far riposare il riso tutta la notte in frigorifero.

2
Done

ragù

fate rosolare sedano, carota e cipolla tagliati finemente e aggiungete la carne macinata.
quando si forma la classica crosticina saporita sfumate con il vino rosso e fate evaporare l'alcol.
aggiungete il concentrato e la passata di pomodoro. fate cuocere per 30 minuti e salate alla fine.
Quando è pronto, fatelo raffreddare e aggiungete i piselli lessati.

3
Done

arancini

prima di formare gli arancini riempite una ciotola con l'acqua e tenetela vicino a voi per bagnarvi le mani in modo che non si attacchi il riso .
Prendete circa 120 g di riso e formate una palla; con le dita carte un incavo all'interno e riempitelo con il ragù e qualche pezzo di mozzarella o caciocavallo tagliati a dadini.
cominciate a chiudere l'arancino spostando il riso verso la punta delle vostre dita, se serve aggiungete ancora un po' di riso per chiuderlo bene.

4
Done

pastella

versate l'acqua poco alla volta sulla farina e girate energicamente con una frusta.
Quando avrete la consistenza di una salsa, la pastella sarà pronta.

5
Done

ultimo passaggio

immergete ogni arancino nella pastella poi nel pangrattato, compattando bene con le mani.
Vi consiglio di immergere prima tutti gli arancini e poi di passarli tutti nel pangrattato così sarete più puliti e il pangrattato non si "sporcherà" troppo con la pastella.
Riscaldate l'olio di arachidi a 165°/170° e friggete gli arancini uno o due alla volta in modo da non abbassare la temperatura dell'olio.
L'arancino, quando fugge, deve essere completamente sommerso dall'olio.
Lasciateli cuocere un po' in modo che il calore arrivi all'interno e sciolga bene il formaggio. quando sono ben dorati fateli sgocciolare su carta assorbente.
Ancora un pizzico di sale sopra e il gioco è fatto!

Martina Manti

mamma a tempo pieno con la grande passione per la cucina...

Recipe Reviews

There are no reviews for this recipe yet, use a form below to write your review
previous
Brasato al barolo
next
La Caponata

Rispondi